Browsing this web site you accept techinical and statistical cookies. close [ more info ]

Commissione europea - Comunicato Stampa - Quadro europeo di valutazione dell'innovazione: La prestazione in termini di innovazione continua a migliorare negli Stati membri e nelle regioni dell'UE

La Commissione ha pubblicato oggi il quadro europeo di valutazione dell'innovazione 2021, che mostra che la prestazione europea in termini di innovazione continua a crescere in tutta l'UE. In media, il punteggio dell'innovazione è cresciuto del 12,5% dal 2014. Si registra inoltre un costante processo di convergenza all'interno dell'UE, con i paesi con prestazioni più basse in crescita più rapida rispetto a quelli con prestazioni più elevate, colmando così il divario di innovazione tra di essi. Secondo il quadro di valutazione dell'innovazione regionale 2021, anch'esso pubblicato oggi, questa tendenza si osserva anche in tutte le regioni dell'UE. Nel panorama mondiale, l'UE supera concorrenti come la Cina, il Brasile, il Sudafrica, la Russia e l'India, mentre Corea del Sud, Canada, Australia,Stati Uniti e Giappone sono in vantaggio rispetto all'UE. Il quadro europeo di valutazione dell'innovazione di quest'anno si basa su un quadro normativo riveduto che comprende nuovi indicatori sulla digitalizzazione e la sostenibilità ambientale che lo allineano maggiormente alle priorità politiche dell'UE.

Risultati principali

Sulla base dei loro punteggi, i paesi dell'UE si suddividono in quattro gruppi di prestazioni: i leader dell'innovazione, gli innovatori forti, gli innovatori moderati e gli innovatori emergenti.

  • La Svezia continua a essere in testa alla classifica dell'innovazione nell'UE, seguita da Finlandia, Danimarca e Belgio - tutti paesi con un punteggio molto superiore alla media UE.
  • I gruppi di prestazioni tendono a concentrarsi geograficamente: i leader dell'innovazione e la maggior parte degli innovatori forti si trovano nell'Europa settentrionale e occidentale e la maggior parte degli innovatori moderati ed emergenti nell'Europa meridionale ed orientale.
  • Il punteggio dell'UE in termini di innovazione è aumentato in media di 12,5 punti percentuali dal 2014. Il maggior incremento si è registrato a Cipro, in Estonia, Grecia, Italia e Lituania.
  • Cinque Stati membri hanno registrato un miglioramento della prestazione pari o superiore a 25 punti percentuali (Cipro, Estonia, Grecia, Italia e Lituania). Quattro Stati membri hanno registrato un miglioramento della prestazione compreso tra i 15 e i 25 punti percentuali (Belgio, Croazia, Finlandia e Svezia). Per otto Stati membri il punteggio ha guadagnato tra i 10 e i 15 punti percentuali (Austria, Cechia, Germania, Lettonia, Malta, Paesi Bassi, Polonia e Spagna). I restanti 10 Stati membri hanno incrementato la loro prestazione di fino a diecipunti percentuali.
  • Nel confronto tra la media dell'UE e una selezione di concorrenti globali, la Corea del Sud risulta il paese più innovativo, con un punteggio superiore del 36% al punteggio dell'UE nel 2014 e superiore del 21% nel 2021. Su scala mondiale, l'UE supera Cina, Brasile, Sudafrica,Russia e India, mentre Corea del Sud, Canada, Australia, Stati Uniti e Giappone sono invantaggio rispetto all'UE.
  • Dal 2014 le prestazioni in termini di innovazione sono aumentate per 225 regioni su un totale di 240 regioni. Nel corso del tempo si è osservato un processo di convergenza nel punteggio delle regioni, con una riduzione del divario tra di esse.
  • La regione più innovativa d'Europa è Stoccolma in Svezia, seguita da Etelä-Suomi in Finlandia e la regione dell'Alta Baviera in Germania. La regione danese di Hovedstaden è al quarto posto, mentre la svizzera Zurigo è al quinto.

 Dichiarazioni di membri del Collegio

Thierry Breton, Commissario per il Mercato interno, ha dichiarato: "Le innovazioni europee come la tecnologia a mRNA alla base dei nuovi vaccini contro la COVID-19 sono state fondamentali per combattere e superare l'attuale pandemia. Il miglioramento della prestazione dell'UE in termini di innovazione è un segnale molto positivo. Investire nell'innovazione significa investire nella nostra capacità di essere all'avanguardia tecnologica per un'economia e una società sostenibili, digitali e resilienti."

Mariya Gabriel, Commissaria per l'Innovazione, la ricerca, la cultura, l'istruzione e i giovani, ha dichiarato: "L'impegno dell'Europa a favore dell'innovazione è dimostrato dal continuo miglioramento delle sue prestazioni in termini di innovazione. Tutti gli Stati membri dell'UE investono sempre più nell'innovazione e il divario di innovazione tra loro sta diminuendo. A sostegno della capacità innovative dell'Europa, Orizzonte Europa promuoverà l'eccellenza e sosterrà i ricercatori e gli innovatori di alto livello per guidare i cambiamenti sistemici necessari a garantire un'Europa verde, sana e resiliente."

Elisa Ferreira, Commissaria per la Coesione e le riforme, ha dichiarato: "L'innovazione è sempre più uno dei fattori decisivi per promuovere lo sviluppo e la convergenza in tutta l'Unione Europea. Sebbene questi importanti studi evidenzino i progressi compiuti in gran parte d'Europa, permane un notevole divario di innovazione, in particolare per le regioni meno sviluppate e periferiche. Affrontare il divario di innovazione è fondamentale per la coesione economica, sociale e territoriale. I fondi di coesione continueranno a promuovere strategie di innovazione intelligenti e basate sul territorio."

Contesto

Il quadro europeo di valutazione dell'innovazione fornisce un'analisi comparativa delle prestazioni in termini di innovazione nei paesi dell'UE, in altri paesi europei e nei paesi confinanti della regione.Esso valuta i relativi punti di forza e di debolezza dei sistemi nazionali di innovazione e aiuta i paesi a individuare eventuali aree di intervento. Il primo quadro europeo di valutazione dell'innovazione è stato pubblicato nel 2001. Esso dimostra l'impegno dell'UE e dei suoi Stati membri a favore della ricerca e dell'innovazione competitive, aperte e fondate sul talento e sull'eccellenza. Sostiene inoltre lo sviluppo di politiche di promozione dell'innovazione in Europa e serve ad informare i responsabili politici in un contesto globale in rapida evoluzione. In aggiunta, la ricerca e l'innovazione rappresentano un elemento essenziale della risposta coordinata dell'UE alla pandemia di COVID-19 e favoriscono anche la ripresa sostenibile e inclusiva dell'Europa. La misurazione delle prestazioni in termini di innovazione è uno strumento fondamentale per raggiungere questo obiettivo.

Circa due terzi della crescita della produttività in Europa negli ultimi decenni è stata trainata dall'innovazione, secondo la relazione "Science, Research and Innovation Performance of the EU, 2020 (SRIP)". La ricerca e l'innovazione rafforzano la resilienza dei nostri settori produttivi, la competitività delle nostre economie e la trasformazione digitale ed ecologica delle nostre società. Assicurano inoltre che l'Europa sia preparata al futuro e sono essenziali per realizzare il Green Deal europeo e la Bussola per il digitale. Orizzonte Europa, il programma di ricerca e innovazione dell'UE per il periodo 2021-2027, con una dotazione di 95,5 miliardi di EUR, contribuirà ad accelerare la trasformazione ambientale e digitale dell'Europa. Nello stesso periodo, la politica di coesione investirà oltre 56,8 miliardi di EUR in capacità di ricerca e innovazione, digitalizzazione e competenze, al fine di sostenere la trasformazione economica innovativa e verde delle regioni europee. Questi obiettivi sono anche al centro della strategia industriale aggiornata dell'UE, che propone nuove misure per rafforzare la resilienza del nostro mercato unico. La strategia propone inoltre misure volte ad affrontare le nostre dipendenze in settori strategici chiave e ad accelerare le transizioni verde e digitale, tutte azioni che contribuiranno a migliorare le prestazioni dell'UE in termini di innovazione. In aggiunta, il rinnovato Spazio europeo della ricerca (SER) creerà un mercato unico e senza frontiere per la ricerca, l'innovazione e la tecnologia, fondato sull'eccellenza, promuovendo nel contempo la diffusione sul mercato dei risultati della ricerca e dell'innovazione in tutta l'UE.

Per maggiori informazioni

Domande e risposte sul quadro europeo di valutazione dell'innovazione 2021
Quadro europeo di valutazione dell'innovazione - Banca dati 2021

 
Quadro regionale di valutazione dell'innovazione 2021
 
Quadro regionale di valutazione dell'innovazione 2021 - Relazione metodologica
 
Quadro regionale di valutazione dell'innovazione - Banca dati 2021

Contatti per la stampa:
Sonya GOSPODINOVA (+32 2 296 69 53)
Johannes BAHRKE (+32 2 295 86 15)
Federica MICCOLI (+32 2 295 83 00)
Marietta GRAMMENOU (+32 2 298 35 83)
Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail