Browsing this web site you accept techinical and statistical cookies. close [ more info ]

L'agenda della Commissione per le competenze per l'Europa sulla competitività sostenibile, l'equità sociale e la resilienza

La Commissione presenta oggi l'agenda per le competenze per l'Europa sulla competitività sostenibile, l'equità sociale e la resilienza, che fissa obiettivi quantitativi ambiziosi per lo sviluppo delle competenze (miglioramento delle competenze esistenti) e la riqualificazione (formazione volta all'acquisizione di nuove competenze) da conseguire entro i prossimi 5 anni. Le 12 azioni previste, che sono incentrate sulle competenze per l'occupazione e si fondano sulla collaborazione con gli Stati membri, le imprese e le parti sociali per il cambiamento, consentono di intraprendere un cammino di apprendimento permanente e si avvalgono del bilancio dell'UE quale catalizzatore per sbloccare gli investimenti pubblici e privati nelle competenze.

L'obiettivo è garantire che il diritto alla formazione e all'apprendimento permanente, sancito dal pilastro europeo dei diritti sociali, diventi realtà in tutta Europa, dalle città alle zone remote e rurali, a vantaggio di tutti. La Commissione pone le competenze al centro dell'agenda politica dell'UE indirizzando gli investimenti verso le persone e le loro competenze per una ripresa sostenibile dopo la pandemia di Covid-19. Le imprese hanno bisogno di lavoratori in possesso delle competenze necessarie per affrontare con successo le transizioni verde e digitale, mentre le persone devono poter ricevere un'istruzione e una formazione adeguate per ottenere buoni risultati nella vita.

Margaritis Schinas, Vicepresidente per la Promozione dello stile di vita europeo, ha dichiarato: "Per questa crisi senza precedenti è necessaria una risposta senza precedenti, che serva allo scopo oggi e per molti anni a venire. La Commissione europea invita oggi gli Stati membri dell'UE a investire nelle competenze. I finanziamenti dell'UE nell'ordine di miliardi di euro, previsti dal piano per la ripresa europea e dal futuro bilancio a lungo termine dell'UE, offrono un'opportunità unica di agire in tal senso. È infatti risaputo che sono proprio le competenze a far prosperare le persone e le economie. Ora è giunto il momento di unire le forze e far partire una rivoluzione delle competenze che non lasci indietro nessuno."

Nicolas Schmit, Commissario per il Lavoro e i diritti sociali, ha dichiarato: "La qualificazione della forza lavoro costituisce una delle nostre risposte fondamentali per la ripresa. Offrire alle persone la possibilità di acquisire le competenze di cui hanno bisogno è essenziale per prepararsi alle transizioni verde e digitale. In tal modo tutti avranno la possibilità di beneficiare delle nuove opportunità di un mercato del lavoro in rapida evoluzione."

Competenze per l'occupazione in un'economia verde e digitale

Le transizioni verde e digitale, di pari passo con le tendenze demografiche, stanno trasformando il nostro modo di vivere, lavorare e interagire. Vogliamo fare in modo che le persone siano dotate delle competenze necessarie per riuscire nella vita. La pandemia di Covid-19 ha accelerato queste transizioni e posto molte persone in Europa di fronte a nuove sfide professionali. Sulla scia della crisi, molti europei dovranno riconvertirsi professionalmente o perfezionare le competenze di cui già dispongono per adattarsi ai cambiamenti del mercato del lavoro. L'obiettivo dell'agenda per le competenze è migliorare la pertinenza delle competenze nell'UE per rafforzare la competitività sostenibile, garantire l'equità sociale e sviluppare la nostra resilienza. A tale scopo sono state formulate 12 "azioni".

  1. Un patto per le competenze
  2. Miglioramento dell'analisi del fabbisogno di competenze
  3. Sostegno dell'UE agli interventi strategici nazionali in materia di sviluppo delle competenze
  4. Proposta di raccomandazione del Consiglio relativa all'istruzione e formazione professionale per la competitività sostenibile, l'equità sociale e la resilienza
  5. Attuazione dell'iniziativa delle università europee e sviluppo delle competenze degli scienziati
  6. Competenze a sostegno delle transizioni verde e digitale
  7. Aumento dei laureati in discipline STEM e promozione delle competenze imprenditoriali e trasversali
  8. Competenze per la vita
  9. Iniziativa per i conti individuali di apprendimento
  10. Un approccio europeo alle microcredenziali
  11. La nuova piattaforma Europass
  12. Miglioramento del quadro di sostegno per sbloccare gli investimenti privati e degli Stati membri nelle competenze

Per maggiori informazioni su ciascuna delle 12 azioni faro consultare la sezione Domande e risposte che accompagna il presente documento.

La nuova piattaforma Europass varata oggi costituisce la prima azione dell'agenda per le competenze. Nella sua versione attuale, la piattaforma fornisce indicazioni su come redigere un CV, suggerimenti in merito a posti di lavoro e opportunità di apprendimento su misura e informazioni sulle tendenze relative alle competenze ed è disponibile in 29 lingue.

Oggi la Commissione adotta inoltre la proposta di raccomandazione del Consiglio relativa all'istruzione e alla formazione professionale.

Obiettivi ambiziosi

Nel quadro della sua politica nuova e coraggiosa in materia di competenze, la Commissione ha fissato per i prossimi 5 anni obiettivi ambiziosi, basati su indicatori esistenti che consentiranno di monitorare annualmente, tramite il semestre europeo, i progressi conseguiti. Attualmente non esistono ancora indicatori quantitativi sulle competenze verdi, per cui la Commissione provvederà a svilupparne di nuovi.

Indicatori

Obiettivi per il 2025

Livello attuale (ultimo anno disponibile)

Aumento (in %)

Partecipazione di adulti di età compresa tra i 25 e i 64 anni ad attività di apprendimento in un periodo di 12 mesi

50%

38% (2016)

+ 32%

Partecipazione di adulti con bassa qualifica di età compresa tra i 25 e i 64 anni ad attività di apprendimento in un periodo di 12 mesi

30%

18% (2016)

+ 67%

Percentuale di adulti disoccupati di età compresa tra i 25 e i 64 anni che vanta un'esperienza di apprendimento recente

20%

11% (2019)

+ 82%

Percentuale di adulti di età compresa tra i 16 e i 74 anni con almeno competenze digitali di base

70 %

56% (2019)

+ 25%

Questo significa che entro il 2025 dovrebbero essere svolte 540 milioni di attività di formazione, di cui 60 milioni per gli adulti con bassa qualifica e 40 milioni per i disoccupati. Il numero di adulti con competenze digitali di base dovrebbe aumentare fino a raggiungere i 230 milioni.

Sbloccare gli investimenti nelle competenze delle persone

Al fine di attuare le azioni e conseguire gli obiettivi fissati dall'agenda per le competenze, l'UE avrà bisogno di ulteriori investimenti pubblici e privati nelle competenze, stimati in circa 48 miliardi di € l'anno. La proposta della Commissione relativa a NextGenerationEU (lo strumento europeo per la ripresa) prevede risorse consistenti nel quadro di un'importante iniziativa di bilancio volta ad affrontare le conseguenze economiche e sociali della crisi.

I fondi dell'UE possono fungere da catalizzatore degli investimenti nelle competenze delle persone. Nel contesto del piano per la ripresa europea vengono proposte risorse finanziarie senza precedenti a favore di una ripresa sostenibile e gli investimenti nelle competenze dovrebbero costituire il fulcro di tale impegno. Per aiutare le persone a migliorare le proprie competenze o ad acquisirne di nuove, nel corso dell'intero periodo 2021-2027 possono essere mobilizzati vari strumenti dell'UE, quali il Fondo sociale europeo Plus, con una dotazione proposta di 86 miliardi di €, Erasmus, con una dotazione proposta di 26 miliardi di €, e la sezione "investimenti e competenze in ambito sociale" di InvestEU, con una dotazione proposta di 3,6 miliardi di €. Il nuovo programma Europa digitale, con una dotazione proposta di 9,2 miliardi di €, investirà nello sviluppo di competenze digitali avanzate affinché le persone padroneggino le nuove tecnologie. Il dispositivo per la ripresa e la resilienza, con una dotazione pari a 560 miliardi di € in sovvenzioni e prestiti, offre inoltre agli Stati membri ampie opportunità di finanziare le iniziative di sviluppo delle competenze e di riqualificazione, adottando le opportune riforme.

Contesto

Il passaggio a un'economia circolare, digitalizzata, a basse emissioni di carbonio ed efficiente sotto il profilo delle risorse potrebbe generare oltre 1 milione di posti di lavoro entro il 2030. L'intelligenza artificiale e la robotica da sole creeranno quasi 60 milioni di nuovi posti di lavoro in tutto il mondo nei prossimi 5 anni. Altre occupazioni potranno cambiare o persino scomparire. La pandemia di Covid-19 ha amplificato le tendenze in atto nel mercato del lavoro per quanto riguarda le competenze, accelerando sia le esigenze sia le opportunità di cambiamento. In un mercato del lavoro e in una società in rapida evoluzione l'apprendimento permanente deve diventare una realtà.

Le iniziative odierne si fondano sul pilastro europeo dei diritti sociali, proclamato dalle istituzioni e dai leader dell'UE nel novembre 2017, e sulla comunicazione sulla costruzione di un'Europa sociale forte per transizioni giuste, pubblicata nel gennaio 2020.

 

Fonte: https://ec.europa.eu/commission/presscorner/detail/it/IP_20_1196